La rabbia è una malattia virale ad esito costantemente fatale che colpisce tutti i mammiferi, incluso l'uomo. Dagli animali è inoltre direttamente trasmissibile all'essere umano e si definisce per questo motivo zoonosi.
 
Essa è causata da un virus appartenente al genere Lyssavirus che si localizza nel sistema nervoso centrale dell'animale colpito. La via di trasmissione caratteristica è rappresentata dal morso di un animale infetto o dal contatto con la sua saliva. Dopo un periodo di incubazione variabile si rende evidente la sintomatologia: improvvise modificazioni del carattere, comparsa di uno stato di eccitazione e di aggressività seguite da una fase di abbattimento e paralisi precedente la morte, che avviene sempre nell'arco di 5 giorni dalla comparsa dei sintomi.
 
Dal mese di ottobre 2008 la rabbia è ricomparsa dopo molti anni di assenza nel Nord-Est del territorio italiano (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige) a seguito dell'evolversi dell'epidemia che interessa le vicine Slovenia e Croazia.
Le volpi rosse sono il principale serbatoio della malattia e quindi la principale fonte di contagio.
La vaccinazione dei nostri animali domestici è fondamentale per il controllo di questa gravissima zoonosi.
 
COSA DICE LA LEGGE:
Per viaggiare attraverso gli stati dell’Unione Europea e per recarsi nei Paesi terzi, cani, gatti e furetti devono essere in possesso del “Passaporto per animali da compagnia” (reg. CEE n. 998/2003 e decisione della Commissione Europea n. 803/2003). Ai fini del rilascio del Passaporto, gli animali devono essere identificati tramite microchip e registrati all’anagrafe canina e perchè esso sia valido per l'espatrio deve riportare la vaccinazione antirabbica in corso di validità. La prima vaccinazione antirabbica è considerata valida 21 giorni dopo la somministrazione.
 
Nuove leggi sono inoltre state introdotte in seguito alla ricomparsa della rabbia in Italia ed in particolare nell’Ordinanza Ministeriale del 26 novembre 2009 sono stati disposti i seguenti provvedimenti:
- obbligo di vaccinazione antirabbica di cani, gatti e furetti al seguito di persone dirette nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia, della provincia di Belluno o in altri territori della regione Veneto e delle province autonome di Trento e Bolzano;
- obbligo di vaccinazione dei cani di proprietà e degli animali domestici sensibili condotti al pascolo nelle zone interessate sopra citate;
- obbligo di conduzione al guinzaglio di tutti i cani;
- limitazione della circolazione dei cani ivi inclusi quelli utilizzati nella pratica venatoria;
- campagne di vaccinazione orale delle volpi, mediante vaccino addizionato a specifiche esche distribuite sul territorio interessato dalla malattia e in un’ampia zona di protezione circostante.
 
In Lombardia la vaccinazione contro la rabbia non è obbligatoria ma è comunque consigliata per i cani e i gatti a vita libera.

CONTATTI

Clinica Veterinaria Ronco
via Eligio Brigatti, 3
20885 Ronco Briantino (MB)
tel: 039.68.15.252
 

ORARI APERTURA

da LUNEDI' a VENERDI'
mattina 9.30 - 12.30
pomeriggio 15.30 - 19.30
 
SABATO
mattina 9.30 - 12.30
pomeriggio 14.30 - 17.30

Newsletter

Per ricevere consigli sulla cura e la salute del tuo amico animale
Privacy e Termini di Utilizzo